Sedia stokke: come scegliere quella giusta

Chi svolge un lavoro di ufficio, sa a quante problemi di salute è sottoposto a causa della condizione sedentaria. Dopo molte ore di lavoro in cui si sta per la maggior parte del tempo seduti, il nostro corpo comincia a dare i primi segni di inadeguatezza: dolori agli arti, gambe quasi addormentate, schiena rotta, intorpidimenti e formicolii. Per porre rimedio a tutto questo e riguardare la propria salute, la soluzione migliore è quella di assicurarsi che nell’ufficio ci sia una sedia ergonomica.sedia-ergonomica-gravity_farronato-mobili_vicenza
Costose ma efficaci, le sedie ergonomiche risolvono gran parte delle problematiche di salute comune a tutte le persone che stanno ore ed ore sedute a svolgere lavori da ufficio apportando benefici soprattutto alla schiena e quindi alla colonna vertebrale. La sedia ergonomica più conosciuta e famosa è la sedia stokke, ossia quelle proposte dall’azienda Variér. L’azienda norvegese vanta un’efficienza molto alta nella produzione delle sedie ergonomiche grazie ai numerosi studi scientifici che porta avanti da circa quaranta anni. Inoltre l’azienda conosciuta anche solo con il nome Stokke, mira a risolvere e a prevenire i malanni alla schiena causati dalle sedie poco adatte. Le sue sedute sono soprattutto adattabili e attive. Queste caratteristiche giustificano anche i prezzi a cui sono vendute le sedie stokke.

I vantaggi delle sedie stokke

L’importanza di avere nel proprio ufficio una sedia stokke è data dai numerosi vantaggi misurati nel tempo che si hanno se ci si siede per molte ore. In particolare viene assicurata:
• Una riduzione dei disturbi alla cervicale e alla cefalea muscolo-tensiva;
• Un miglior apporto di ossigeno che agisce sulla concentrazione, migliorandola;
• Un respiro più ampio e profondo;
• Una maggiore libertà di movimento;
• Una naturale curvatura della schiena che allevia la pressione sui dischi vertebrali;
• La possibilità di muovere i piedi più liberamente.
Le sedie ergonomiche da ufficio
Questo tipo di sedie si basano su dei veri e propri studi sull’ergonomia e sul fatto che le stesse sedie devono essere utilizzate dalle persone per trarne un evidente vantaggio. Sedersi su vera una sedia ergonomica vuol dire innanzitutto avere la possibilità di regolare l’altezza del sedile e dei poggia braccia, così come anche la possibilità di regolare lo schienale. Inoltre la sedia ergonomica assume le forme del corpo della persona seduta grazie all’imbottitura. Inoltre con il telaio molto robusto sostiene i lombi.
La sedia ergonomica ed in particolare la sedia stokke sostiene la schiena e aiuta la persona ad assumere una posizione corretta mentre resta seduto per molte ore a lavorare. In questo modo aiuta a prevenire le più diffuse conseguenze che si manifestano sulla salute: mal di schiena, mal alle gambe, al collo, alle spalle, alle braccia; insomma alla maggior parte degli arti sia inferiori che superiori.
Il dubbio e l’indecisione resta solo su quale sia il modello di sedia ergonomico giusto da acquistare per la propria schiena. I modelli proposti in commercio anche dall’azienda Variér sono molti e vanno da quello più costoso a meno costoso.

L’importante è che al momento dell’acquisto si tengono in considerazione questi aspetti:

1. regolare lo schienale con un sistema pneumatico appositamente creato. In questo modo si permette alla persona che si siede di avere la seguente posizione confortevole: le braccia saranno a livello della scrivania, i piedi dovranno poggiare a terra mentre la pare superiore delle gambe dovrà essere parallela. Una posizione questa che porterà benefici sicuri a fine giornata senza avere la sensazione di compressione e stanchezza.
2. Sedile ampio e confortevole. Dovrà accogliere e far sedere ogni tipo di persona di taglia piccola o grande.
3. Imbottitura della sedia ergonomica da ufficio realizzata con materiale confortevole e morbido al punto giusto da accogliere e sostenere tutto il peso della persona seduta per tutto il giorno.

Leave a Reply

  

  

  

87 + = 94