Arredamento in cucina: la scelta del lavello

Lavello da cucina – Cm Spa

La cucina è uno degli ambienti più difficili da arredare, ma è allo stesso tempo l’ambiente che, se arredato perfettamente in linea con i propri gusti, ricoprirà di grande soddisfazione. La difficoltà sta nella scelta degli elementi che la compongono, della loro posizione e dei materiali. Oggi ci soffermeremo sulla scelta del lavello da cucina.

Il lavello da cucina è un elemento fondamentale, oltre che per la sua funzione primaria, anche per la sua grande versatilità estetica. Oggi può essere definito un vero oggetto di arredamento, grazie alle sue innumerevoli forme e dimensioni e alla varietà dei materiali che rendono possibile l’abbinamento con gli arredi circostanti. Anche il rubinetto da abbinare si presenta in colori e forme molto varie con la possibilità di scegliere tra leva o manopole per dare un tocco di classe in più. Di seguito elenchiamo le tipologie più usate in modo da mettervi nelle condizioni di acquistare quello più adatto alle vostre esigenze. Innanzitutto creiamo una distinzione agevole tra i vari tipi di lavello in base a forma, materiale, installazione.

Classificazione in base alla forma

I lavelli possono essere lineari, angolari o rotondi e la scelta ricadrà su quello che si adatta alla posizione in cui vorrete collocarlo (considerando la posizione degli scarichi) e allo spazio a vostra disposizione. Un lavello può avere diverse configurazioni: ad una vasca con o senza gocciolatoio, a due vasche uguali o di diverse dimensioni con o senza gocciolatoio. Se avete uno spazio sufficiente, scegliete sempre un lavello a due vasche utile per lavare verdura, piatti e stoviglie in maniera più agevole. Scegliete il gocciolatoio soprattutto se non avete la possibilità di inserire la lavastoviglie. Il lavello ad un vasca nella versione mini è da preferire se lo spazio è ridotto, mentre la versione maxi, ora molto di moda, se avete grandi stoviglie da lavare.

Classificazione in base al materiale

I materiali più utilizzati per la realizzazione di un lavello sono acciaio, ceramica, composto con resina, pietra e laminato stratificato. Conosciamoli meglio.
L’acciaio è un materiale eterno, resistente agli urti e al calore. E’ il più igienico fra tutti i materiali disponibili. Inoltre si presta per lo stile moderno o industrial per la sua luminosità e la sua versatilità. L’acciaio presenta degli svantaggi quali la facilità a graffiarsi, ossidarsi e macchiarsi, ma esistono in commercio delle varianti di lavello in acciaio satinato antigraffio e dekor-microdekor che resistono ai graffi e in acciaio inox resistenti all’ossidazione. Per evitare l’affiorarsi di macchie, bastano semplicissime regole per la pulizia e la cura dell’acciaio.
La ceramica è un materiale elegante, resistente ai graffi ed è facile da pulire. Non assorbe gli odori ed è molto igienica. Tuttavia ha un costo elevato e può scheggiarsi se subisce un urto considerevole. E’ disponibile in varie colorazioni.
Il composto in resina rappresenta un’ottima alternativa per chi non gradisce esteticamente l’acciaio, inoltre è disponibile in varie colorazioni e composizioni con quarzo, metallo e vetro. Questo materiale però ha lo svantaggio di macchiarsi facilmente e, per la sua porosità, di assorbire i liquidi colorati. Per la pulizia si raccomandano prodotti non aggressivi e sostanze non alcaline per evitare abrasioni sulla superficie.
La pietra presenta l’unico grande vantaggio di avere un impatto estetico notevole, ma ha peso e porosità eccessivi, difficoltà di manutenzione e un costo molto elevato.
Il laminato stratificato è un materiale moderno, anch’esso di notevole impatto estetico e molto utilizzato nelle cucine moderne. E’ molto delicato e va pulito con prodotti assolutamente non aggressivi. E’ disponibile solo nella forma squadrata.

Classificazione in base all’installazione

I lavelli possono essere collocati ad incasso standard se il lavello appoggia sul top e sporge di un gradino più o meno evidente, oppure ad incasso filotop quando il lavello e il top sono allo stesso livello o il primo al di sotto del secondo e sottotop quando il lavello è inserito sotto lo spessore del top e i bordi vengono sigillati con silicone per evitare infiltrazioni di acqua.

 

 

Leave a Reply

  

  

  

17 − 9 =