Due bellezze del Salento da non perdere: la Grotta della Poesia e Torre dell’Orso

Il Salento sta vivendo in questi ultimi tempi il meritato riconoscimento alla sua bellezza, ed è divenuto meta delle vacanze di migliaia di turisti italiani e stranieri. Le bellezze naturali, la buona offerta enogastronomica, la tipica ospitalità dei salentini, la storia unita all’arte e alla cultura, sono tutti elementi che determinano l’ampio e giustificato interesse verso questa terra ancora verace e sincera. Parlando di bellezze che si trovano nel Salento non si può evitare di citare quel tratto di costa che compone le Marine di Melendugno dove sono ubicate due imperdibili mete quali la Grotta della Poesia e Torre dell’Orso. Pernottare in queste zone equivale ad assicurarsi una vacanza indimenticabile e consigliamo di trovarsi un hotel comodo e vicino al mare come l’hotel mare blu salento che dista meno di 400 metri da Grotta della Poesia.  Parlando di Grotta della Poesia – una delle più belle piscine naturali al mondo- è accompagnata da una leggenda che si rifà ad una bellissima principessa che amava fare il bagno proprio in questo specchio di acque tranquille e la cui fama richiamò poeti da tutto il mondo che vollero scrivere liriche e poemi in onore della principessa e, furono così numerosi che quel luogo divenne per tutti, la Grotta della Poesia. Al di là della leggenda, questo luogo è talmente bello che è divenuto un appuntamento da non mancare dove, di recente, è stato scoperto un luogo di culto messapico confermato anche da tutte le vicine testimonianze di quell’epoca presenti a Roca Vecchia. Immergersi nelle calme e cristalline acque di una tra le dieci piscine naturali al mondo, è una emozione che non può mancare a chi si trova nel Salento per una vacanza. Torre dell’Orso non ha bisogno di tante spiegazioni, essendo una tra le più note località balneare di tutto il Salento. La purezza del suo mare e la cura messa dalla locale amministrazione a proposito di tutela ambientale, le ha fatto guadagnare l’ambita Bandiera Blu. Merito delle spiagge pulite che lambiscono acque così limpide da essere quasi trasparenti. Una lussureggiante verde pineta, circonda una spiaggia composta da sabbia color oro che anticipa un mare calmo che bagna una delle baie più grandi di questo territorio. I turisti dispongono di quasi un chilometro di litorale di questo tratto delle Marine di Melendugno caratterizzata anche da splendidi fondali che fanno la felicità degli appassionati di snorkeling.
Tra i villaTorre dell’Orso ha saputo organizzarsi in un centro turistico moderno e ricco di attrattive per tutti i turisti, come i tanti negozi e locali che dedicano la loro offerta proprio a questo tipo di clientela. Anche Torre dell’Orso regala una leggenda a proposito dei due faraglioni che s’innalzano sulla baia.La storia narra di due bellissime sorelle che, per trovare rifugio al caldo torrido dell’entroterra, raggiunsero la costa salentina per godere della brezza marina. Una delle due sorelle, confusa dalla bellezza del mare, della scogliera che dominava il tutto e dall’unicità dell’atmosfera, volle gettarsi dall’alto per coniugarsi con quell’acqua trasparente ed invitante ma una volta tuffata ebbe paura del mare e iniziò a nuotare per tornare a riva urlando aiuto. L’altra sorella, si gettò per salvarla ma fu tutto inutile. Fu allora che quel mare che ne cullava i corpi ormai senza vita, le trasformò nei due faraglioni che possono ammirarsi tutt’ora.

Leave a Reply

  

  

  

8 + 2 =