In Sardegna in traghetto: comfort e risparmio

La Sardegna è ben collegata via mare con i principali porti italiani, francesi e corsi. Soprattutto nel periodo estivo sono numerosi i traghetti che collegano i porti di Genova, Livorno, Piombino, Civitavecchia, Fiumicino, Napoli, Palermo e Trapani con l’isola sarda. La durata della traversata in nave varia dalle cinque alle dieci ore, a seconda della tratta e dalla tipologia di traghetto, e può essere effettuata anche in fascia notturna. Da Bonifacio, in Corsica, è possibile raggiungere in nave Santa Teresa di Gallura, affascinante lembo di Sardegna più prossimo alla Corsica, nonché una delle località turistiche più animate e suggestive.

Tra le principali compagnie di navigazione che effettuano il servizio di collegamento per la Sardegna abbiamo Tirrenia, Moby Lines, Grandi Navi Veloci, CMN La Méridionale, Sardinia Ferries, Grimaldi Lines e Saremar, con arrivo nei porti di Cagliari, Arbatax, Golfo Aranci, Olbia e Porto Torres. I biglietti per il traghetto possono essere acquistati comodamente online, in agenzia viaggi o direttamente in biglietteria. Il modo più agevole e rapido per ottenere il proprio biglietto è via internet. Tutte le compagnie di navigazione, infatti, hanno il loro portale web, dove, in genere, è abilitata una funzione che prevede la prenotazione per via informatica.

Viaggiate con animali al seguito? Nel nostro Paese, in ottemperanza a quanto stabilito dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 27 agosto 2004, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 213 del 10/9/2004, è possibile viaggiare su traghetti e navi Sardegna ad alta velocità con animali domestici al seguito, ma con particolari condizioni. È richiesto, innanzitutto, il pagamento di un biglietto ridotto per il trasporto dell’animale in questione, nonché lo scrupoloso rispetto delle normative igienico-sanitarie in vigore.

Prezzi, documentazione richiesta e sistemazione degli amici a quattro zampe durante il viaggio in nave variano sostanzialmente da compagnia a compagnia e dal porto d’imbarco e di destinazione. In alcuni casi, per gli amici a quattro zampe di piccola taglia è possibile l’utilizzo di apposite gabbiette e la permanenza in cabina, ma, nella maggior parte dei casi, gli animali devono essere sistemati in apposite aree a loro riservate durante il viaggio in nave. La compagnia Tirrenia, ad esempio, ammette il trasporto di cani a bordo delle navi della propria flotta, purché muniti di museruola ed alloggiati nel canile di bordo durante il viaggio. I gatti, invece, devono essere sistemati in appositi trasportini e box a cura dei proprietari. Per gli animali che viaggiano con i passeggeri è generalmente richiesto un certificato veterinario che attesti che l’animale non sia affetto da patologie.

Leave a Reply

  

  

  

− 5 = 4