Vodafone cresce nell’offerta 4G e raggiunge 21 città italiane a 100 mega

Il 4G di Vodafone arriva in altre 13 città. Salgono così a 21 i centri coperti dall’operatore mobile con la banda ultra-larga in grado di offrire una velocità teorica di download di 100 mega al secondo e 50 mega in upload. Anche se l’instabilità della connettività mobile, e non solo, autorizza a immaginare performance inferiori, si parla comunque di una velocità paragonabile a quella delle migliori linee fisse casalinghe. Questo consentirà di sfruttare appieno servizi come streaming video hd, cloud e condivisione file, ma anche semplicemente navigazione.
Per i Clienti Vodafone la connettività mobile di quarta generazione diventa così realtà a Bergamo, Bologna, Cagliari, Catania, Ivrea, Livorno, Modena, Pisa, Reggio Calabria, Taranto, Trento, Verona e Venezia. Tredici città che vanno ad aggiungersi ad altri 8 centri (Roma, Milano, Bari, Genova, Napoli, Padova, Palermo e Torino) già coperti fra ottobre a dicembre 2012. L’offerta parte da 30 euro al mese su tablet e chiavette. Per quanto riguarda gli smartphone (sono compatibili anche i più recenti modelli di Apple, Blackberry, Nokia e Samsung) l’offerta è gratuita fino al 31 maggio; poi il servizio costerà 10 euro mensili.
Diventa insomma sempre più interessante la partita sull’Lte, che insieme con la fibra rappresenta il grosso tema delle Tlc in questo 2013. In generale, quello del 4G è un servizio al quale gli operatori di telefonia credono. Prova ne sono gli investimenti di fine 2011 per accaparrarsi le frequenze: 1,26 miliardi Telecom e Vodafone; 1,1 miliardi Wind e 305 milioni H3g. Vodafone e Telecom hanno investito più di tutti per aggiudicarsi le frequenze più pregiate a 800 Mhz; anche Wind ha acquisito a 800 Mhz per il blocco confinante con le frequenze di La7, mentre H3g ha acquisito i blocchi di 2600 e 1800 Mhz.
Una scelta, questa, non premiante sul fronte dello sviluppo del 4G, ma cui 3 Italia ha in più occasioni risposto facendo presente il piano da investimenti (1 miliardo fra 2011 e 2012) per potenziare la copertura 3G Hspa+ a 42 Mega (con cui ora in Italia raggiunge 4.113 comuni, l’83% della popolazione).
Non c’è dubbio, comunque, che quella del 4G sia vissuta come una scommessa strategica;. Tra gli altri operatori, su questo fronte è particolarmente attiva Tim che ha reso disponibili i servizi 4G in 21 città (che nei prossimi giorni diventeranno 25) e 9 località turistiche, con l’obiettivo di raggiungere a fine 2015 oltre il 60% della popolazione. Le città dove il servizio è attivo sono: Torino, Milano, Roma, Napoli, Ancona, Brindisi, Catanzaro, Forlì, Genova, Padova, Palermo, Taranto, Trento, Bari, Como, Perugia, Pisa, Prato, Treviso, Vicenza, Udine. A breve si aggiungeranno Varese, Piacenza, Savona e Latina.
Le 9 località turistiche sono: Cortina d’Ampezzo, Courmayeur, Bormio, Canazei, Cavalese, Madonna di Campiglio, Selva di Val Gardena, Predazzo, Tesero. Per quanto riguarda Wind, l’operatore ha reso noto che le prime offerte partiranno a cavallo dell’estate, mentre 3 Italia ha lanciato i servizi 4G a fine 2012 ad Acuto (nel Frusinate). La copertura è stata poi estesa a Roma e Milano. L’opzione Lte per attivare i servizi costa 1 euro al mese, fino a dicembre 2013.
Il Sole 24 Ore –

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.