L’oro come risorsa per la nostra salute

I compro oro a Lecce si dimostrano in coerenza con le tendenze nazionali: aumentano il numero di esercizi, le famiglie che se ne servono e la mole d’affari. L’oro genera un ingente mercato dovuto certamente al valore borsistico del metallo, ma anche all’utilizzo plurimo che se ne fa in diversi ambiti.

Tra le tante discipline che se ne servono, sempre più massiccio è l’impiego di materiali aurei in applicazioni mediche. Oltre al notorio utilizzo di oro in protesi, ponti e ascessi odontoiatrici, si è scoperto un nuovo impiego del metallo in apparecchiature antitumorali. Le nanotecnologie hanno concepito micro particelle composte da poche decine di nanometri (ovvero millesimi di millimetri), capaci assorbire le radiazioni laser emessa da sistemi a infrarossi con un rendimento notevolmente maggiore rispetto alle tradizionali strumentazioni in dotazione. Ciò consente di attaccare in maniera selettiva le cellule tumorali, combattendo con maggiore efficacia l’insorgere della malattia. Tali particelle, rivestite in quarzo e altri materiali biocompatibili, vengono legate agli anticorpi per agire dall’interno sull’organismo affetto dal cancro. Attraverso radiazioni acustiche a bassa concentrazione, la tecnologia realizzata permetterebbe una diagnostica approfondita del danno, mentre ad alta potenza, essa sarebbe in grado di attaccare tessuti circoscritti, bombardando anche piccole metastasi in modo mirato. All’efficacia e alla scarsa invasività del trattamento, si aggiunge il costo contenuto della tecnologia in confronto con quelle ora utilizzate. Inoltre, ciò inaugura un nuovo filone di ricerca medica, attraverso cui sarà possibile applicare questa metodologia anche per altre patologie, sfruttando le straordinarie capacità chimiche e fisiche dell’oro. Tuttavia occorre ricordare che la ricerca, portata avanti da ricercatori e in laboratori italiani, è ancora in fase embrionale ma, se avrà successo, potrà offrire un nuovo paradigma procedurale nella lotta contro il cancro.

È significativo che proprio l’Italia persegua questi studi. I compro oro da Lecce alle isole, dalla Calabria alle Alpi, hanno significato una risorsa per le famiglie, il simbolo di un crollo verticale del’economia, l’abbandono degli affetti in favore dell’istinto di sopravvivenza. Proprio quell’oro scopre un nuovo, straordinario utilizzo, nobile come il rango che rappresenta da sempre.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.