Prima neve sulle piste, è ora di sfoderare lo snowboard

La stagione invernale sta entrando nel vivo e per gli appassionati di snowboard è giunto il momento di rimettersi in careggiata e rispolverare la propria tavola da snowboard sui manti innevati delle varie stazione sciistiche italiane e non solo. Per quanti invece vogliono avvicinarsi per la prima volta verso questo sport che raccoglie sempre maggiori consensi soprattutto tra i più giovani, è il momento adatto per incominciare ad avere un primo contatto. A prescindere dalla situazione, è fondamentale controllare che la propria attrezzatura, rimasta riposta in un armadio o similari per diversi mesi, sia in perfette condizioni e quindi efficiente. Infatti, prima di lanciarsi in una adrenalinica discesa magari con la propria tavola da snowboard freestyle compiendo una ampia serie di virtuosismi, è quanto mai opportuno e saggio sincerarsi che l’attrezzatura di cui si dispone sia in ottimo stato. Sembra essere un passaggio superfluo ed assolutamente di poco valore, ma in realtà non è così giacchè i materiali sono fondamentali nella prevenzione di infortuni gravi. Nel caso specifico, può accadere per incuria che, scarponi e attacchi da snowboard (come quelli che potete trovare al sito http://www.northwavesnow.com/) oppure la stessa tavola, possano essere stati riposti in un luogo non eccezionale da un punto di vista climatico con la concreta possibilità che agenti atmosferici possono aver scalfito l’integrità e la funzionalità. Pensate soltanto per un attimo cosa potrebbe accadere se durante una discesa, gli scarponi da snowboard non abbiano più quella presa ottimale e magari non consentono la corretta condotta della tavola, aumentando a dismisura la probabilità di incorrere in un possibile incidente. Dunque, una volta che ci siamo sincerati della bontà dei materiali (guarda il catalogo di scarponi da snowboard per ogni tipo di performance), non resta che scegliere uno dei tanti impianti presenti in Italia che consentono di praticare lo snowboard. In sostanza ogni stazione sciistica in ragione del sempre maggiore seguito che sta avendo questo sport, ha ricavato almeno una pista dove praticare con la massima sicurezza lo snowboard. Se poi si vuole fare una scelta e soprattutto si ha la possibilità economica di potersi spostare a proprio piacimento nel nostro Stivale Italico, in cui si può discernere la specialità di snowboard con cui si ha intenzione di confrontarsi, ecco allora che il tutto diventa ancora più appagante. Vediamo in maniera abbastanza veloce, quali sono le migliori stazioni sciistiche italiane che propongono anche molta attenzione agli appassionati di snowboard. Partendo dal Sud del Paese, certamente vanno menzionate le stazioni del comprensorio di Roccaraso che complessivamente presentano un totale di 160 chilometri di piste. Chiaramente nella parte Nord del Paese la scelta è molto ampia. In Lombardia c’è la stazione di Bormio molto conosciuta anche gli appassionati della Coppa del Mondo di sci, Livigno con ben 32 impianti di risalita e oltre 110 chilometri di piste, Aprica e Passo del Tonale. Nel Friuli Venezia Giulia c’è quella di Piancavallo mentre in Piemonte c’è il famosissimo Sestriere, dove tra l’altro s’è ampio spazio anche per gli appassionati dello sci di fondo. Nel Trentino Alto Adige c’è solo l’imbarazzo della scelta con Brunico, Canezei, Kronplatz, Corvara, Madonna di Campiglio e tante altre. Anche in Valle D’Aosta ce ne sono tantissime come ad esempio Courmayeur, Cogne e Breuil Cervinia mentre nel Veneto c’è Cortina D’Ampezzo. Nella parte centrale dell’Italia, la migliore stazione è probabilmente quella dell’Abetone in Toscana senza però dimenticare il Cimone in Emilia Romagna.

Per avere maggiori info sullo snowboard visita il sito della Federazione Italiana Snowboard.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.