Per ritrovare la natura le isole Azzorre

9 isole per ritrovare la natura

Le Azzorre sono 9 isole color smeraldo immerse nell’oceano Atlantico tra il Portogallo (1500 Km) e il Nord America (3500 Km), uno degli ultimi paradisi naturalistici d’Europa a sole 4 ore di volo dall’Italia. Antichi crateri occupati da laghi cristallini, una vegetazione rigogliosa, chilometri di siepi di ortensie in fiore che delimitano i pascoli, balene e delfini sempre presenti.  Da molti ritenute ciò che resta del mitico continente di Atlantide, vennero scoperte nel 15° secolo dai navigatori portoghesi in rotta verso il nuovo mondo e divennero ben presto uno dei punti di approdo preferiti tra l’Europa e l’America. L’origine vulcanica delle isole è il motivo principale del loro affascinante aspetto selvaggio: antichi crateri, scogliere nere che si scagliano nelle acque dell’atlantico, aspre montagne, sorgenti di acque sulfuree e fumarole sono gli elementi che formano uno scenario naturalistico unico al mondo, aspro e spesso impervio ma sempre ingentilito dai fiori che vi crescono durante tutto l’anno. L’architettura è tipicamente portoghese e le città principali conservano edifici del 18° e 19° secolo.

Per un vacanze a contatto con la natura la  sistemazione ottimale è nelle case rurali, con un’architettura di tipo tradizionale,   associatia alla tecnologia più moderna, in modo da assicurare qualità e benessere.

9 ragioni per visitarle

SAO MIGUEL – TERCEIRA – FAIAL – PICO – SAO JORGE – GRACIOSA – CORVO – FLORES – SANTA MARIA

Turismo balneare: la temperatura del mare raramente scende al di sotto dei 23° e l’acqua è cristallina praticamente ovunque. Nonostante ciò l’arcipelago non può essere considerato una meta prettamente balneare. Santa Maria è l’isola più adatta a chi cerca il mare ed il sole; le altre isole dispongono di poche spiagge di sabbia scura la maggior parte delle quali si concentrano sull’isola di Sao Miguel e sull’isola di Terceira.

Vacanze natura: la natura è la vera protagonista delle Azzorre, offrono panorami suggestivi con strapiombi coperti da una folta vegetazione. cascate, fiumi e laghi sono presenti praticamente ovunque.

Termalismo: a Furnas, sull’isola di Sao Miguel, si trova una bellissima piscina di acqua termale. Trekking: l’intero arcipelago può essere considerato come un vero paradiso per gli appassionati di questa specialità. I sentieri sono segnati ed attrezzati in modo eccellente, non bisogna essere necessariamente dei camminatori allenati per potersi permettere di scoprire vere meraviglie della natura in quanto sono disponibili passeggiate con vario grado di difficoltà. Il più arduo è sicuramente quello che sale fino alla cima del monte di Pico, la montagna più alta del Portogallo.

Golf: a Sao Miguel si trovano  due bellissimi campi da golf da 18 e 27 buche, un terzo campo è invece presente sull’isola di Terceira e vanta uno dei più importanti golf club del Portogallo. Avvistamento cetacei:l  è uno dei migliori habitat naturali del mondo per tutti i cetacei. I delfini sono sempre presenti  e si avvicinano all’uomo con grande curiosità, anche alcune specie di balene sono stanziali, ma da marzo a settembre la popolazione è particolarmente numerosa per la presenza di specie migratorie. Il luogo ideale per il   whale watching, attività in mare aperto che consente  di avvicinarsi agli animale in totale sicurezza. Pesca da fermo e da altura:gli amanti della pesca d’altura troveranno Sao Miguel e Terceira particolarmente attrezzate. Diving: fondali oceanici meravigliosi adatti ai sub più esperti. I centri diving sono numerosi in tutte le isole gli amanti della pesca troveranno Sao Miguel e Terceira particolarmente attrezzate. Festività popolari e gastronomia: feste popoalri che mantegono intatta il folkore del passato e numerose ricette tradizionali della cucina locale a completare l’ospitalità dell’ arcipelago delle Azzorre.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.