Sud Africa: la nazione arcobaleno

Sudafrica: paese più vicino di quanto si possa immaginare e facile da raggiungere grazie all’ottimo servizio delle linee aeree internazionali che offrono numerosi voli giornalieri per Città del Capo o Johannesburg. Inoltre, trovandosi lungo lo stesso meridiano, il Sudafrica ha la stessa ora dell’Italia in estate ed è avanti di un’ora in inverno, quindi il problema di fuso orario non c’è anche se ci troviamo nel bel mezzo di un magnifico paese africano, favoloso da visitare in tutti i periodi dell’anno. Dipende poi da quello che si desidera scoprire: il periodo migliore per osservare la fauna selvatica, ad esempio, è l’inizio della primavera, tra agosto ed ottobre. Per vedere le balene che si avvicinano alla costa il periodo migliore è la nostra estate, cioè l’inverno sudafricano, tra luglio e novembre. La fioritura del deserto del Namaqualand invece è tra agosto e settembre. La primavera e l’autunno sudafricani sono sempre il periodo migliore per effettuare escursioni perché l’estate è molto calda. Invece per godersi il sole caldo, la spiaggia e per praticare sport acquatici come il surf o il kitesurf sono consigliabili i mesi estivi tra dicembre a marzo.

Vivo da molti anni a Città del Capo e amo consigliare al meglio le persone che desiderano vedere questa fantastica nazione e venire nella zona del Capo per lasciarsi incantare dalle meraviglie che sa regalare. Il periodo che io suggerisco sempre e che più mi affascina è quello autunnale ed invernale, tra aprile a settembre, perché è proprio in questo periodo che si può assistere a due delle attrazioni per me, amante della natura e del buon vino, più entusiasmanti: la via dei vini e la via delle balene. A soli 60 km da Città del Capo inizia la Wine Route, la via dei vini. Il Sud Africa è al settimo posto nella classifica mondiale dei paesi produttori di vino, grazie alle condizioni climatiche e del terreno e grazie ad un’importante tradizione vinicola che ha fatto nascere un fiorente turismo enogastronomico, che da anni riscontra un grande successo in tutto il mondo. Sono oltre 600 le aziende vinicole del paese che offrono tour guidati delle cantine, con pranzi e cene in ristoranti di fama internazionale oppure solo degustazioni con formaggio e prodotti locali.

I panorami sono strepitosi, letteralmente da togliere il fiato! Con i suoi colori e profumi, la bellissima campagna africana si impone e le dimore padronali in stile Cape Dutch ci fanno capire la storia di questo magico paese, che vide i primi insediamenti dei coloni olandesi attorno alla fine del 1600, nelle zone attorno a Stellenbosch e a Paarl e che danno un certo tocco europeo.

E località più famose per un’esperienza reale del  vino sudafricano sono Paarl, Franschloek, Stellenbosch, Constantia, e Somerset West. La vallata di Franschloek, ricorda un po’ la Provenza: qui vissero e lavorarono gli Ugonotti fuggiti dalla Francia e impiantarono i primi vigneti. Fra i vini rossi sudafricani il Cabernet ed il Merlot sono fantastici e prendono il sapore ed i profumi classici della zona. Altri rossi prodotti sono il Pinotage, Cabernet Sauvignon, Cinsaut e Syrah, mentre tra i bianchi si producono vini a base di Chenin Blanc (Chardonnay, Sauvignon Blanc). Tutto questo crea un’atmosfera molto bella tra la primavera e l’inverno, periodo in cui si possono  trovare festival del vino o altre attrazioni dedicate al turismo enogastronomico per tutte le tasche.

Invece per vedere le balene che si avvicinano alla costa il periodo migliore inizia a giugno fino a novembre, e partendo da città del Capo si può percorrere un bellissimo tratto di costa “la strada delle balene” di circa 130 km tra Gordon’s Bay sino ad Hermanus, famosa cittadina dove ad agosto in genere fanno il festival delle balene e, grazie al suo caratteristico promontorio, favorisce la vista delle balene dalla costa. E’ il posto piu’ famoso in Sud Africa per avvistare le balene, anche con tour guidati in barca. Gli amanti dello sport e della natura, inoltre, non avranno di che annoiarsi grazie alla varietà delle diverse attività sportive e naturalistiche che questa zona offre per soddisfare tutti i gusti. Un’altra popolare attività ad Hermanus è lo shopping. Un’incredibile selezione di gallerie d’arte, boutique di moda, gioiellerie tutte in prossimità del centro della città. Nelle vicinanze si trova il paese di Gansbaai, principale destinazione in Sudafrica per gli appassionati di immersioni per vedere lo Squalo Bianco… l’esperienza di una vita! Sempre nei dintorni troverete il paese di De Kelders, definito come il miglior luogo al mondo per osservare le balene dalla riva. I paesini sulla costa di Kleinmond e Betty’s Bay sono entrambe mete da visitare, con chilometri di spiagge incontaminate e le maestose dune di sabbia. Mentre più a sud, Capo Aggulhas è il punto d’incontro degli Oceani Atlantico e Indiano, ed è anche il punto più a Sud del continente. Sempre nel periodo tra l’autunno e la primavera, la Garden Route è giustamente identificata come la Gemma del Sudafrica: una rigogliosa foresta selvaggia, fiumi che scorrono liberi, ampie lagune, spiagge baciate dal sole e maestose montagne. Insieme tutti questi elementi compongono una sinfonia di naturale bellezza. Insomma questa fantastica nazione può offrirvi quello che desiderate e sognate, l’unico problema e che… non vorrete più andare via!

Michele Zunino

Consulente di viaggi online Evolution Travel

http://www.evolutiontravel.net/etnews/2013-04.php

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.